Missione di pace per Daniel, l’articolo sul Giorno

― 11 Aprile 2023

C’è anche un po’ della scuola media «Canossa» nelle tre missioni di aiuti al popolo ucraino che ha organizzato la Fondazione «Santa Francesca di Cabrini» di Lodi. L’addetto alla raccolta dei beni di prima necessità, incaricato di catalogare e archiviare il prezioso e ingente materiale costituito prevalentemente da cibo e medicinali, è un ex alunno dell’istituto.

Il suo nome è Daniel Codeluppi, ha 21 anni e ha collaborato all’iniziativa di solidarietà insieme ai fratelli. Il papà Vittorio ha guidato le colonne di furgoni fino al confine tra l’Ucraina e la Polonia raggiungendo i centri di accoglienza dove i prodotti donati dalle famiglie e dalle imprese lodigiane sono stati scaricati per essere messi a disposizione dei profughi provenienti dalle zone di guerra. Daniel, insieme al padre Vittorio e alla coordinatrice della Fondazione Martina Castelli, sono stati intervistati nell’ambito del percorso di giornalismo programmato dalla scuola per gli alunni e le alunne delle classi terze. L’incontro ci è svolto nella sala polivalente dell’istituto di via XX Settembre alla presenza dei docenti responsabili del corso di giornalismo, il docente di storia Roberto Bettinelli e l’insegnante di arte Enrico Oldini.

«Ho dato una mano per quello che potevo fare – ha raccontato Daniel agli studenti. – Qui alla Canossa ho frequentato le scuole medie. Poi ho studiato informatica alle superiori. Sono diventato un volontario seguendo l’esempio di mio papà. Mi sono messo a disposizione per catalogare i beni che abbiamo raccolto. Anche i miei fratelli hanno fatto parte della squadra. Ognuno aveva un compito ben preciso. Io ci so fare con il computer.

C’era tantissimo materiale da ordinare e preparare. Tutto doveva essere fatto nel modo migliore altrimenti nei centri di raccolta avremmo perso gran parte dei prodotti e delle attrezzature. Ogni cartone doveva aveva indicazioni chiare sul contenuto».

Le tre spedizioni sono andate a buon fine. Ma i volontari non si sono limitati a portare beni di prima necessità. La Fondazione Santa Francesca Cabrini ha predisposto anche un piano di accoglienza per i profughi. Soprattutto giovani mamme in difficoltà con i loro figli piccoli che, a Lodi, hanno potuto trovare un rifugio sicuro.

«Un’esperienza incredibile sul piano umano – conclude il 21enne – e agli studenti della Canossa posso solo dire che se ti impegni per fare del bene la tua stessa vita diventa più bella, intensa, nobile. Ti senti più forte, coraggioso e intraprendente. Tutto diventa possibile».

L’azione di solidarietà della Fondazione è nata immediatamente dopo lo scoppio dell’ostilità nel febbraio del 2022 ed i volontari hanno consegnato 80 quintali di materiale nel quale c’erano anche alcuni ecografi donati da alcune farmacie del territorio. Ora il grande lavoro consiste nel gestire al meglio l’accoglienza delle persone ospitate nelle strutture locali.

(L’articolo è stato pubblicato sull’edizione del Giorno del 4 aprile 2023 all’interno della pagina dedicata al concorso nazionale di giornalismo Cronisti in classe)

News

“Alice in Wonderland” Musical in inglese!

“Alice in Wonderland” Musical in inglese!

― 9 Aprile 2024

Musica e teatro in lingua inglese. Gli studenti delle classi terze si sono recati all'Auditorium Pime di Milano per assistere alla piece ‘Alice nel paese delle meraviglie’ recitata, cantata e musicata da attori madrelingua inglesi.

Leggi tutto
Churchill, i discorsi e il film ‘L’ora più buia’

Churchill, i discorsi e il film ‘L’ora più buia’

― 6 Aprile 2024

MEDIE – Una lezione interdisciplinare sulla figura di Winston Churchill

Leggi tutto
Preziose tracce della storia romana e della cristianità sul nostro territorio

Preziose tracce della storia romana e della cristianità sul nostro territorio

― 27 Marzo 2024

MEDIE – Mercoledì 20 marzo la classe quinta della scuola Primaria si è recata a Lodi Vecchio per un’uscita didattica, storica e culturale, molto piacevole ed interessante.

Leggi tutto