L’osservazione come base del metodo scientifico

― 29 Settembre 2021

“La capacità di osservare la realtà è una caratteristica che un bravo scienziato deve possedere e coltivare”, così la docente di matematica e scienze Marianna Gangi che nella classe seconda A delle scuole medie ha portato a conclusione un progetto nato prima delle vacanze estive.

L’osservazione rappresenta la base del metodo scientifico che si fonda su un esame oggettivo della realtà a seguito del quale lo studioso pone domande ed elabora ipotesi per spiegare i fenomeni.

Spiega la docente Marianna Gangi: “Ho chiesto agli studenti di focalizzarsi su tre ambiti: paesaggio, fiori e rocce. Al loro rientro a scuola avrebbero dovuto consegnare alcuni scatti fotografici. Ho raccolto tutte le fotografie in un’unica presentazione che ho mostrato agli studenti che hanno decretato un vincitore per ogni categoria. Ogni immagine conteneva un dettaglio che era in grado di colpire e affascinare. La stupore davanti alla bellezza della natura rappresenta la vera origine della scienza”.

News

Cronisti in classe, come diventare cittadini del web

Cronisti in classe, come diventare cittadini del web

― 14 Febbraio 2024

MEDIE – Grazie al quotidiano Il Giorno per aver dedicato una pagina, all’interno del concorso nazionale di giornalismo ‘Cronisti in classe’, al progetto della Canossa sulla cittadinanza digitale.

Leggi tutto
‘Racconto la mia storia’, la tragedia della Shoah

‘Racconto la mia storia’, la tragedia della Shoah

― 8 Febbraio 2024

MEDIE – La studentessa della classe prima A Martina Novati è stata protagonista di una lezione dedicata al tema della Shoah all’interno del progetto ‘Racconto la mia storia’.

Leggi tutto
English Summer Camp

English Summer Camp

― 6 Febbraio 2024

Leggi tutto